Aiutare una persona anziana, senza riuscirci!

03.07.2018

La strada sbagliata è quella più spontanea: cercare di spronarlo a reagire. 

È come continuare a girare la chiave di una macchina che non parte, l'unico effetto è di scaricare ancora di più la batteria. 

Il dialogo tendente a rendere più attiva la vita dell'anziano deve avvenire quando la persona è ancora pienamente autosufficiente, in modo che abbia veramente la possibilità di mettere in pratica ciò che ha compreso (anche se, onestamente, è molto difficile che a settant'anni si possa cambiare stile di vita, anche molto parzialmente). 

Quindi è inutile sgridare, esortare, discutere.